Escursioni Culturali

La via dei Briganti Apuani la Vandelli
Escursione "La Via dei briganti Apuani... La Vandelli "

La via Vandelli è sicuramente la via di comunicazione più ardita che l'Uomo abbia mai realizzato sulle Apuane. Un opera d' ingegneria e capacità costruttive che per l'epoca in cui fu costruita risulta ancora davvero impressionante...Doveva unire la città di Modena a quella di Massa evitando lo sforamento dei confini dello stato Estense e cosi fu. Ma il suo estremo isolamento e la sua accentuatissima ripidità la resero in breve tempo il luogo ideale per gli attacchi dei briganti... Adesso per fortuna non è più così e oggigiorno nel percorrerla si può tranquillamente ammirare il severo paesaggio che attraversa, stupendosi difronte all'ingegno dell'Uomo e rabbrividire ascoltando le numerose leggende che qua si narrano da secoli.

Difficoltà:

L'escursione è da ritenersi media difficoltà per Escursionisti (classificazione CAI – E), il percorso è svolto completamente su mulattiera e non presenta pericoli. Le difficoltà maggiori sono: il dislivello in salita e discesa , la pendenza in alcuni tratti e il fondo roccioso. E' necessario essere ben allenati al cammino in montagna.

Lunghezza :11 km ; Dislivello S/D: 950m; Tempo in cammino: 6 ore circa

 

Monesteroli, una scalinata per il Paradiso
"Monesteroli, una scalinata per il Paradiso"

​​​​​Un fantastico giro ad anello per scoprire e ammirare l'antico borgo di Monesteroli. Arroccato sul mare, senza strade che lo raggiungono, è davvero un posto onirico ed incantato, che solo i camminatori possono visitare. Attraverso ripide scalinate e sentieri a strapiombo sul mare, visiteremo la costa dei Tramonti, dove sapienti contadini continuano l'ardita opera di coltivar vigneti in luoghi apparentemente impossibili. Raggiungeremo così il piccolo gioiello di Monesteroli, incastonato tra il verde della macchia mediterranea ed il blu del limpido mare. Un bellissimo percorso che ci farà scoprire uno dei luoghi più autentici e meno turistici delle Cinque Terre!

 

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi solo per Escursionisti (difficoltà Cai - E). Le difficoltà maggiori sono: Il dislivello sia in salita che in discesa svolto in gran parte su ripide scalinate ed il caldo che potrà esserci in alcune zone assolate. E' necessario un buon allenamento al cammino in montagna e non avere disturbi fisici.

​Lunghezza: 9,5km, Dislivello: Salita 730m - Discesa 650m, Tempo in cammino: 5 ore circa

Lucchesi e Pisani eterni rivali
"Lucchesi e Pisani eterni rivali"

Un' insolita escursione ad anello sulle dolci colline d'oltre Serchio, alla scoperta degli antichi castelli, fortificazioni e torri che controllavano e difendevano il confine tra le due Repubbliche acerrime nemiche... Nascoste nei boschi, si trovano molte testimonianze di questa lunga rivalità, alcune delle quali hanno ancora un notevole fascino ed una notevole importanza storica. Attorniati dai resti dei conflitti medievali, andremo però a scoprire anche un gioiello abbandonato che ci riporterà ai fasti e alla bella vita dei primi del Novecento, completando così un'interessantissima escursione!

​​

Difficoltà:

L'escursione è da ritenersi per Tutti (difficoltà Cai T) basta avere un minimo allenamento al cammino e non avere problemi fisici. L'unica difficoltà è il saliscendi di circa 200m da fare uno all'andata e uno la ritorno. Il Percorso può essere adatto anche a bambini/e da 12 anni in su.

Lunghezza: 8,5 km ; Dislivello S/D:450m Tempo in cammino: 4 ore circa

Segreti e leggende di Montecastrese
"Segreti e leggende di Montecastrese"

​​​​​Una semplice e piacevole escursione ad anello lungo sentieri e mulattiere che collegano i caratteristici paesi della montagna Camaiorese. Durante il percorso s'incontreranno interessanti resti del passato, custoditi nei tranquilli paesi e nel fitto dei boschi. Attraverseremo i pittoreschi paesi di Casoli e Metato per giungere ai resti del suggestivo  castello di Montecastrese. Una fortezza dell XI sec. distrutta durante gli scontri tra Lucchesi e Pisani. Dopo la visita del sito, inizieremo la discesa che in breve ci riporterà  al luogo partenza. Concludendo così un' escursione  dove storia e leggenda si susseguono!

 

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi semplice per Escursionisti (classificazione CAI - T) il percorso è svolto su mulattiere e sentieri suddiviso in varie tappe. L'unica difficoltà può essere il terreno, che in alcuni tratti può risultare scivoloso dopo la pioggia.

Il percorso è adatto anche a persone che non hanno esperienza su sentieri di montagna, basta che siano allenate a camminare per alcune ore. Adatto anche a ragazzi da 12 anni in sù.

​Lunghezza: 8 km circa ; Dislivello S/D: 400m; Altitudina massima 450m, Tempo in cammino: 3,5 ore circa

Cardoso e la forza dell'acqua
"Cardoso e la forza dell'acqua" - Alpi Apuane
​​​

Il paese di Cardoso di Stazzema è tristemente famoso per il terribile alluvione del 1996, ma in molti non conoscono la particolare storia di questo borgo. Una storia legata strettamente a quella dell'acqua dei numerosi torrenti che qua s' incontrano. Da secoli la forza di quest'elemento, è stata sfruttata per molte attività, e tutt'oggi, viene impiegata per portare avanti lavori e mestieri radicati in questo territorio. Durante l'escursione percorreremo sentieri dove si trovano numerosi reperti e testimonianze dell'importante passato e cercheremo di scoprire quali erano attività di un tempo e conoscere quelle di oggigiorno. Una facile passeggiata immersi in un ambiente di estrema bellezza dove l'antico passato si fonde ad un prossimo futuro in maniera indissolubile.

 

Difficoltà:

L'escursione è da ritenersi per Tutti (classificazione CAI – T), il percorso è svolto su sentiero e mulattiere ed è suddiviso in varie tappe. Le difficoltà sono: Il fondo sconnesso in alcuni tratti. E' necessario un minimo di allenamento al cammino in salita e in discesa.

Lunghezza :7,5 km ; Dislivello S/D:250m; Tempo in cammino: 3 ore circa

Portovenere e le sue perle
" Portovenere e le sue perle" P.R. Portovenere - Liguria
La costa del Muzzerone e la vicina Portovenere, sono come due perle incastonate in un unico gioiello di storia, natura e tradizioni. Per poterle ammirare in tutta la loro bellezza bisogna percorrere gli antichi sentieri che collegano questo irto promontorio di estrema bellezza. Partendo dal paese de Le Grazie, risaliremo gli uliveti per arrivare fin sotto la Fortezza del Muzzerone, dove andremo ad ammirare le vertiginose scogliere a picco sul mare. Presa una buona boccata d'aria salmastra, raggiungeremo la bellissima Portovenere, percorrendo una mulattiera che non finirà mai di stupirci. Arrivare a Portovenere da quassù, ci farà apprezzare ancora di più questa perla scintillante, che riflette la sua luce nel mare, sulle rocce e in un cielo infinito!

Difficoltà: L'escursione è da ritenersi di media difficoltà per Escursionisti (difficoltà Cai E). Le difficoltà sono: la discesa a Portovenere che avverrà su un sentiero ripido e le condizioni del suolo friabile in alcuni tratti di sentiero. L'escursione può essere adatta anche a persone non abituate ad andare in montagna, basta che siano ben allenate a camminare e che abbiano un passo stabile su fondo sconnesso.

Lunghezza: 10km, Dislivello S/D: 400m, Tempo in cammino: 4 ore circa

Le Molinette e gli opifici dell'Alta Versilia
"Le Molinette, e gli opifici dell'Alta Versilia"  Alpi Apuane
​​​

Una facile escursione immersi in un luogo denso di storia e fascino, le Mulinette. Un antico sito minerario dove ancora oggi sono visibili numerose costruzioni e attrezzature legate a questa antichissima attività.
All'ombra della vegetazione e rinfrescati dell'abbondante acqua, andremo alla scoperta di questo sito acheo-minerario che ci stupirà per l'ingegno e per la sua particolare bellezza. Per i più avventurosi ci sarà anche la possibilità di fare un bagno nelle fresche acque del torrente!

 

Difficoltà:

L'escursione è da ritenersi per per tutti (classificazione CAI – T), il percorso è svolto su sentiero ed è suddiviso in varie tappe. Le difficoltà sono: Il fondo sconnesso e scivoloso in alcuni tratti. E' necessario un minimo di allenamento al cammino in salita e in discesa.

Lunghezza: 4 km ; Dislivello S/D:200m; Tempo in cammino: 2 ore

Le grotte preistoriche delle Apuane
"Le grotte preistoriche delle Apuane meridionali"

 

​​​​​Sin dalla preistoria, le Alpi Apuane, sono state popolate da vari gruppi d'individui, dove hanno potuto trovare numerose prede da cacciare, ripari naturali dove proteggersi ed in cui svolgere riti di culto e propiziatori. Numerose testimonianze di queste comunità sono state ritrovate proprio all'interno delle grotte naturali disseminate su tutta la catena Apuana. In particolar modo, in alcune grotte del settore meridionale, i ritrovamenti e gli studi compiuti hanno fatto comprendere moltissimi aspetti di questi nostri lontanissimi antenati.L'escursione prevede di visitare tre importanti e suggestive grotte: Il Tanaccio, la Vulva e Grotta all'Onda. Mediante un percorso ad anello, andremo a scoprire ed apprezzare queste particolari cavità carsiche generatesi sui fianchi delle montagne. Visitandole all'interno, potremo ammirare gli elementi caratteristici che le hanno rese famose, tra cui: “il Trono” del Tanaccio e “la Volta” dell'Onda. Inoltre, in ogni grotta conosceremo gli importanti ritrovamenti effettuati dai paleontologi ed archeologi, che hanno dato la possibilità di ricostruire le abitudini delle comunità ed i rituali che per migliaia di anni sono stati svolti in questi luoghi. Attorniati da un paesaggio molto suggestivo ed affascinati dai numerosi racconti, ci immergeremo in un'atmosfera lontana da noi migliaia di anni, effettuando così un'escursione davvero preistorica! 

 

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi semplice per Escursionisti (classificazione CAI - T) il percorso è svolto su mulattiere e sentieri suddiviso in varie tappe. L'uniche difficoltà sono il primo tratto in salita (circa 300m di dislivello) e il terreno, che in alcuni tratti può risultare scivoloso.

Il percorso è adatto anche a persone che non hanno esperienza su sentieri di montagna, basta che siano allenate a camminare per alcune ore. Adatto anche a ragazzi da 12 anni in sù.

Lunghezza: 9,5 km circa ;Dislivello S/D: 350m; Tempo in cammino: 4 ore circa

Il sentiero dei mulini di Candalla
"Il sentiero dei mulini di Candalla" - Camaiore

​​​

Un Itinerario storico naturalistico lungo le antiche mulattiere che risalgono il corso del torrente Lombricese, dove già nel XVI secolo erano presenti numerose attività legate all'utilizzo dell'energia motrice dell'acqua, come: Mulini, frantoi, pastifici, polveriere, ferriere, ed altre attività. Risalendo il torrente incontreremo vari edifici adibiti a questi mestieri, i quali oggi, versano in stato di abbandono, ma conservano ancora alcuni manufatti realizzati per svolgere queste particolari lavori. Arrivati nella parte alta del torrente andremo a rinfrescarci nelle splendide pozze scavate nella roccia. Nel pomeriggio andremo alla scoperta di Casoli, l'antico paese che sovrasta la valle del Rio Lombricese, conosciuto anche come il paese dei “Graffiti” dove amireremo queste stupende decorazioni.

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi semplice per Escursionisti (classificazione CAI - T)  il percorso è svolto su mulattiere e  sentieri. Il dislivello in salita è affrontato nella prima parte e suddiviso in varie tappe. Le difficoltà sono il fondo sdrucciolevole e sconnesso in alcuni tratti. Il Percorso è adatto anche a persone che non hanno esperienza su sentieri di montagna, basta che siano allenate a camminare per alcune ore. Adatto anche a ragazzi da 12 anni in sù.

Lunghezza:7,5 km circa ; Dislivello totale: 360m; Altitudine massima: 450m; Tempo in Cammino: 3 ore circa

In groppa al Cavallo d'Azzano
"In groppa al Cavallino di Azzano" - Alpi Apuane

 

Un'interessantissima escursione attraverso luoghi che nei secoli passati hanno avuto un'importanza vitale per le comunità di quest'angolo di Versilia. Percorreremo le antiche vie che collegano i paesi della montagna Seravezzina, incontrando numerosi manufatti che l'Uomo ha sapientemente costruito. Castagneti terrazzati, edifici rurali e mulattiere, sono elementi che rendono questi luoghi unici ed affascinanti ma che oggi rischiano di scomparire. Arriveremo così sulla cima del monte Cavallo detto anche Cavallino. Data la sua limitata altitudine viene considerata una vetta minore ma conquistarla è sicuramente un emozione insolita ed inaspettata. Da quassù la vista spazia sulla costa Toscana, mentre alle nostre spalle si pietrifica sulle scoscese pareti del Monte Altissimo. Da questa imponente montagna passa la storia del marmo statuario e del suo inestimabile valore artistico e storico legato alla mitica figura di Michelangelo Buonarroti. Per completare la nostra densa escursione, durante il ritorno, visiteremo l'importante e bellissima Pieve di San Martino dove spiccano il rosone Michelangiolesco e il sottostante parco Archeo-minerario della Cappella, aggiungendo così un' altro immancabile tesoro alla nostra escursione.

 

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi di media difficoltà per Escursionisti (difficoltà Cai E). Le difficoltà sono: Il dislivello e la pendenza sia in salita che in discesa e le condizioni del suolo roccioso ed instabile in alcuni tratti di sentiero. L'escursione può essere adatta anche a persone non esperte basta che siano allenate a camminare e che abbiano un passo stabile su fondo sconnesso.

Lunghezza: 8km; Dislivello S/D: 570m; Tempo in cammino: 4 ore circa

Grotta all'onda
"Grotta all'onda, la casa dei Neanderthal" - Alpi Apuane
 

​​​​​Un ambiente di estremo interesse storico e di inaspettata bellezza naturalistica dove le numerose scoperte archeologiche effettuate all'interno della grotta, hanno rivelato che questa cavità ipogea era utilizzata già 40 mila anni fa da gruppi di Neanderthaliani. La grotta è formata da una camera larga circa 60m con un' estensione interna di circa 40m. L'ingresso è molto suggestivo perchè è formato da un arco alto solo 3m che percorre  tutta la larghezza della grotta. Entrandoci si ha la sensazione di addentrarsi in una suggestiva cavità terrestre che ci riporta indietro nel tempo di milioni di anni, percependo un pò come potessero vivere i mitici Neanderthal! 

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi  semplice per escursionisti  (classificazione CAI - Turistica)  l'esigua lunghezza del percorso e il modesto dislivello di circa 200m non richiedono un grande sforzo fisico. Il Percorso è adatto anche a persone che non hanno esperienza su sentieri di montagna e a ragazzi da 10 anni in sù.

 

Lunghezza: 7 km circa ;Dislivello: 200m circa; Tempo in cammino: 3 ore.

​​

Il cammino di San Frutuoso
"Il cammino di San Fruttuoso" P.R. Portofino - Liguria
 

​​​​​Una bellissima escursione lungo sentieri panoramici che si affacciano sul mare, immersi in una rigogliosa macchia mediterranea. Il cammino di San Fruttuoso inizia da Santa Margherita Ligure, dove percorreremo il golfo della fortunata località balneare, sovrastati da numerose ville e hotel di charme. Attraversato l'omonimo golfo, arriveremo in una caratteristica cala dove imboccheremo un facile percorso lastricato che ci condurrà al famosissimo paese di Portofino. L'ingresso in paese sarà molto piacevole perché avverrà tramite i pittoreschi vicoli che dal porticciolo si diramano al resto del paese. Qua ci fermeremo per una breve ma immancabile visita al porticciolo e ai suoi numerosi negozietti.

Dopodiché, ci accingeremo a salire il sentiero che ci condurrà a San Fruttuoso. Lungo questo primo tratto, potremo ammirare i famosi terrazzamenti fatti con muri a secco, dove da secoli si coltivano gli olivi e numerosi ortaggi. Arrivati sulla sommità delle colline avremo una vista strabiliante su Portofino. Qua inizieremo la parte più spettacolare del cammino, perché ci addentreremo sempre di più nel Parco Regionale, percorrendo un sentiero a strapiombo sul mare completamente immerso nella macchia Mediterranea. Arriveremo così ad un punto panoramico dove potremo ammirare in tutta la sua bellezza, questo bellissimo promontorio. Da quassù inizieremo la discesa che ci porterà nella suggestiva cala di San Fruttuoso. L'arrivo sarà molto emozionante, perché arrivando a piedi, percepiremo pienamente la particolare atmosfera di questo luogo. Attraverseremo il piccolo borgo di pescatori  arrivando fin sulla spiaggia, dove ci rilasseremo. Nelle ore restanti, ognuno sarà libero di fare ciò che ritiene più opportuno: Visitare l'abbazia, la torre Doria o fare il bagno in mare, fino all'ora dell'imbarco. Il rientro a Santa Margherita è previsto con il traghetto, concludendo comodamente una bella giornata trascorsa tra terra, cielo e mare!

​​

Difficoltà e Lunghezza:

L'escursione è da ritenersi di media difficoltà per escursionisti (classificazione CAI – E) basta essere allenati a camminare per alcune ore in salita e discesa e non avere problemi fisici. Il percorso è svolto su strade, mulattiere e sentieri ed è suddiviso in varie tappe.
Per i meno allenati, c'è la possibilità di arrivare a Portofino in autobus e fare a piedi soltanto la seconda parte del percorso, lunga circa 5km e con un dislivello di 260m circa.

Lunghezza:10,5km; Dislivello S/D: 330m; Altitudine massima: 263m; Tempo in cammino: 4 ore

Linea Gotica del Folgorito
 "Sulla Linea Gotica del Folgorito" - Alpi Apuane

 

Una semplice escursione in un luogo denso di fascino e di storia. Partiremo dal borgo del Pasquilio imboccando la via che conduce al monte Carchio, arrivati ad un bivio l'escursione seguirà la traccia che porta verso parte più occidentale della famosa “Linea Gotica”. Una linea difensiva creata dall'esercito Tedesco per contrastare l'avanzata delle forze di “Liberazione”. Lungo il percorso incontreremo varie postazioni ricavate nella roccia per poter controllare i versanti e combattere a lunga distanza. In questo tratto conosceremo anche le vicende belliche avvenute nella primavera del 1945 che consentirono lo sfondamento di questa quasi inespugnabile barriera da parte dei Nisei. Arriveremo così sulla vetta del monte Folgorito dove avremo una strabiliante vista sul mare, sulla costa e sulle Apuane. Qua ci riposeremo e ci godremo il momento. Il Rientro al Pasquilio avverrà seguendo la strada sterrata che avevamo lasciato all'andata, così d'arrivare in breve tempo ad un particolare ristoro dove potremo fare merenda e ascoltare ancora qualche particolare aneddoto!​

​Difficoltà e Lunghezza:
L'escursione è da ritenersi per tutti (classificazione CAI - T)  basta avere un minimo allenamento al cammino e non avere problemi fisici. L'unica piccola difficoltà è la salita alla vetta ma è molto breve. 
Il Percorso è adatto anche a persone che non hanno esperienza su sentieri di montagna e a bambini da 8 anni in su.

Lunghezza: 8,5km circa; Dislivello S/D: 250m; Altitudine massima: 911m slm; Tempo in cammino: 3 ore